UPI APS è conoscenza, socializzazione e scambio dei saperi.

CHI SIAMO

L’Università Popolare Interculturale, (in sigla UPI), nasce nel 2010 dando il suo supporto scientifico ed organizzativo a campagne di comunicazione ambientale nazionale. Nel 2011 si costituisce come associazione di promozione sociale territoriale e dal 2012 aderisce alla rete nazionale UNIEDA “Unione Italiana di Educazione degli Adulti", (Associazione di Promozione Sociale ai sensi della Legge 383/2000, iscritta al registro nazionale e con sede nazionale a Roma).

UPI ha collaborato alla progettazione e divulgazione scientifica di diversi progetti ambientali finanziati dal Ministero dell’Ambiente. Si è inoltre impegnata in campagne di educazione ambientale nelle scuole per divulgare una coscienza ecologistica in collaborazione con note associazioni di protezione e promozione ambientale. Il suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente lo ritroviamo nelle scelte etiche ed ecologiste anche nel campo gestionale dell’associazione.

L’attenzione all’ecologia e la domanda sempre più incessante di collaborare e creare progetti che di fatto riducano la pressione antropica sull’ambiente ha spinto UPI alla ideazione e divulgazione di campagne sul risparmio energetico, sul risparmio idrico, tutela e salvaguardia del mare e delle foreste, sulla riduzione dei rifiuti e sulla tutela degli animali.

L’Università Popolare Interculturale realizza le sue attività sull’intero territorio regionale campano intervenendo nella realtà del mondo sociale e culturale tramite la promozione di iniziative di incontro, di dibattito, d'informazione e di formazione, atte a promuovere forme di inserimento socio-culturale di quanti si riconoscono nelle finalità dell'Università. In modo particolare ha realizzato diverse attività formative e divulgative sviluppate come lavoro di gruppo e come scambio di esperienze, basando i propri corsi formativi sul dialogo costante tra corsisti e docente. Tutti, con le loro conoscenze personali, rappresentano un valore aggiunto alla attività formativa dell’UPI.  

Le attività culturali ed educative maggiormente svolte, negli ultimi anni, sul territorio campano sono state: avvio di attività ricettive extralberghiere; certificazione green per le strutture extralberghiere; social media marketing; fotografia; autoproduzione di cosmetici naturali (saponi, creme, unguenti, oleoliti, ecc); home restaurant; sicurezza alimentare,  lavorazione del cioccolato, alfabetizzazione digitale, corsi di lingua spagnola. Con le attività formative sono nate le certificazioni di riconoscimento di qualità, sia per le attività ricettive che per gli home restaurant, improntate sull’innalzamento dei livelli di qualità offerta alle utenze finali dei servizi. 

L’UPI finalizza la sua attività in un progetto educativo e formativo orientato alla partecipazione, alla condivisione, all’inclusione, alla innovazione dei saperi e prende parte da protagonista al dibattito in materia di cultura e formazione, contribuendo allo sviluppo della cultura diffusa, impegnandosi a rafforzare lo spirito del confronto pluralistico. E’ improntata sulla costante sensibilizzazione ambientale e la cultura della qualità in quanto sostiene che questi valori possano rappresentare una forma di crescita sociale consapevole ed equa. UPI ha come finalità generale l’instaurazione e il mantenimento di rapporti culturali come forme di dialogo, di confronto e di reciproco scambio di conoscenze tra paesi, istituzioni o movimenti diversi. Dall’anno della sua fondazione, nel 2011, UPI organizza la celebrazione della Giornata Mondiale del Turismo in Italia come momento di scambio interculturale volto all’abbattimento delle barriere culturali relazionandosi con Enti del turismo e Ambasciate estere presenti nel nostro Paese. UPI è strutturato per promuovere, attraverso progetti, formazione e campagne, la diversità culturale come risorsa, come patrimonio comune che genera innovazione e creatività. Elabora studi, ricerche antropologiche e sviluppa corsi di comunicazione finalizzate a migliorare la conoscenza e la comunicazione tra popoli diversi, per abbattere le barriere comunicative che ostacolano la crescita sociale e culturale.

L’UPI è strutturata in Dipartimenti per meglio definire le attività formative e di ricerca: Accademia dei Cosmetici Naturali; Agricoltura e Giardinaggio; Archeologia e Storia dell'arteComunicazione e Public SpeakingCultura e SocietàEcologia e Green Economy; Educ-ChildrenEtnobotanicaLingue; Sicurezza Alimentale; Sicurezza Stradale; Turismo

Tra le sue attività per la diffusione della cultura, UPI promuove e organizza presentazioni di libri e autori e inoltre cura la rubrica editoriale  “Interculturale Magazine”.

L’UPI ha attivato e divulgato campagne di comunicazione sui temi sociali, ambientali e turistici nonché giornate celebrative svoltesi sul territorio salernitano diventando protagonista delle seguenti iniziative: 

Acqua "-SPRECHI +RISORSE"
Nel 2016, in occasione della “Giornata mondiale dell'acqua”, l’UPI ha lanciato una nuova Campagna di sensibilizzazione per incentivare la riduzione del consumo idrico domestico dal titolo "- SPRECHI +RISORSE" regalando, su Salerno e provincia oltre 100 kit idraulici per ridurre del 60% il flusso d’acqua dei rubinetti casalinghi. Ogni anno, in occasione del 21 marzo, UPI rinnova l’appello a ridurre gli sprechi e preservare la preziosa fonte di vita promuovendo iniziative, forum, comunicati stampa, post social, ecc. >> ENTRA >>

“ARTISTI SI DIVENTA” 
L’esperienza artistica è un’incredibile laboratorio di educazione positiva che svolge un ruolo fondamentale nell’ambito dell’evoluzione infantile. I bambini coinvolti nelle attività artistiche (musica, disegno, pittura, scultura, modellismo, scrittura, lettura e teatro), hanno una probabilità maggiore di possedere un alto livello di autostima e di rafforzare la consapevolezza di sé. “Artisti si diventa” è un laboratorio per la scoperta dei talenti che stimola il bambino/ragazzo in un contesto artistico, dinamico, improntato all’ascolto , alla creatività in un ottica di reciprocità e di interazione culturale. >> ENTRA >>

COMPOSTiAMO
Dall’esigenza di semplificare il processo di gestione diretta dei rifiuti urbani nella regione Campania nonché di ridurre i quantitativi di rifiuti compostabili da conferire in discarica, nel 2017 l’UPI lancia la Campagna “COMPOSTiAMO” al fine di promuovere l’ausilio di pratiche semplici e virtuose. Tra gli obiettivi della Campagna vi sono quelli di: sensibilizzare cittadini e amministratori pubblici ad adottare pratiche virtuose di gestione dei rifiuti domestici; incrementare il numero di utenti/cittadini che svolgono l’autocompostaggio; far crescere il numero di amministrazioni locali ad adottare regolamenti comunali, azioni e sconti tariffari per incentivare il compostaggio domestico.  >> ENTRA >>

Einstein Day
Il 14 marzo del 2016 l’UPI ha lanciato il primo E.day, evento social in onore di Albert Einstein, e che replica ogni anno in occasione della data del suo compleanno al fine di contribuire, ulteriormente, a diffondere e far conoscere meglio la figura di Albert Einstein “Einstein Day” di propone quale manifestazione formativa e di divulgazione culturale e scientifica in onore del filosofo, fisico nonché Premio Nobel Albert Einstein. >> ENTRA >> 

“Giardino di Sant’Isidoro”

Nel 2020 UPI ha avviato il recupero di un antico terrapieno all’interno del Santuario della Madonna di Avigliano per la creazione di un “giardino dei semplici” seguendo le tradizioni monastiche, con la finalità di rafforzare il legame di armonia tra l’uomo e il creato, un Giardino per riconnetterci all’Essenziale. A tal fine UPI realizza visite didattiche ed esperienziali presso il “Giardino di Sant’Isidoro” dove ritrovare erbe officinali commestibili, aromatiche, mediche e cosmetiche per riscoprire la conoscenza depositata nei secoli ripercorrendo le conoscenze scientifiche di Santa Ildegarda di Bingen e la Scuola Medica Salernitana fino alle tradizioni popolari.  >> ENTRA >>

Giornata Internazionale della Montagna
Nel 2014, in occasione della Giornata internazionale della montagna istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e coordinata dalla FAO, l’UPI insieme al circolo territoriale di Legambiente Salerno ha organizzato a Salerno un workshop tematico. L’iniziativa di Salerno ha ottenuto i complimenti del Dipartimento Foreste della FAO nonché il Patrocinio e l’adesione del Parco Regionale dei Monti Lattari, del Comune di Caggiano, del Comune di Piaggine, dell’Associazione Terra Mia, del Salerno Camper club e dell’Associazione Trekking Campania. Ogni anno in occasione dell’11 dicembre UPI ripropone iniziative, forum, comunicati stampa o post social, per rimarcare l’importanza del ruolo ambientale nonché sociale dei territori montani. >> ENTRA >>

Itinerari Birrari
L’UPI ha ideato il progetto Itinerari Birrari con l'obiettivo di promuovere gli itinerari della birra artigianale e di qualità, contribuire alla maggiore diffusione della cultura brassicola e dell’arte dei mastri birrai in particolar modo facendo conoscere a un pubblico vasto i birrifici artigianali. Itinerario non solo come tragitto per raggiungere fisicamente un luogo, ma come percorso di conoscenza socializzazione e scambio dei saperi. La birra artigianale, espressione dei luoghi dove viene realizzata, è un prodotto enogastronomico con una spiccata componente territoriale. Un mercato caratterizzato dal localismo il cui sviluppo è incentrato fortemente nella conoscenza del prodotto. Spesso i cultori della birra artigianali sono interessati alla conoscenza del produttore della birra e dei luoghi di produzione. Itinerari birrari segna un percorso, ritmato dalla cottura del malto, dalle essenze dl luppolo, dalla passione e dagli sguardi dei produttori di birra, passi nella storia tra un ieri secolare ed un oggi che lentamente contraddistingue un futuro di eccellenza e di genialità. Itinerari birrari non promuove solo "le Birre" ma anche i sogni, le ispirazione, la conoscenza e la condivisione dei saperi dei birrari.  >> ENTRA >>

L’Altra scuola si fa in strada
L’esperienza dell’Università di Strada (autofinanziata dal 2014 al 2017 e dall’avviso 1/2017 del Codice del Terzo Settore) ha gettato le basi ad una forma inclusiva di apprendimento permanente capace di coinvolgere anziani soli, immigrati, giovani NEET, donne vittime di violenza, disabili motori, ecc. alle forme di partecipazione. La convinzione è che l’apprendimento per tutti si attua andando incontro alle esigenze delle persone, facendole uscire di casa, portandole in luoghi che sono prossimi alla strada in cui vivono. Questo progetto necessita di consolidarsi e con “L’altra scuola si fa in strada” ci si pone l’obiettivo di rafforzare la rete locale delle “Università di Strada” (ora espressione delle realtà associative dell’Unieda operanti in quel territorio) promuovendo la costituzione di entità associative nuove, autonome, riconosciute dai cittadini perché fondate e gestiste da loro stessi. Le Università di Strada, come già in parte fanno le Università popolari, hanno l’opportunità di intercettare bisogni educativi e sociali ponendosi a fianco delle persone che risultano escluse da processi formativi e culturali. L’Altra scuola si fa in strada è una risposta più avanzata al bisogno di inclusione inespresso. Il progetto intende coinvolgere una parte dei circa 11 milioni di persone analfabete funzionali in Italia con sedi ed iniziative diffuse nei luoghi di maggiore necessità (periferie, luoghi isolati, ma anche luoghi di grande affluenza di persone). >> ENTRA >>

“Riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici”
Dal 2015, in occasione della notte di San Lorenzo, l’UPI lanciato la Campagna “Riaccendiamo le stelle, spegniamo gli sprechi energetici”. Tra il 10 e il 15 agosto ricade l’evento astronomico più celebrato al mondo, in cui è possibile osservare ad occhio nudo lo sciame delle perseidi, meglio conosciuto come notti delle stelle cadenti. Purtroppo a causa del continuo aumento dell’inquinamento luminoso, soprattutto nelle città, la visione di questo romantico e suggestivo evento viene offuscato. La campagna promossa da UPI ha l’obiettivo di stimolare le amministrazioni pubbliche alla riduzione dell’inquinamento ottico e luminoso nonché all’eliminazione degli sprechi energetici degli impianti di illuminazione esterna di ogni tipo. Riaccendiamo le stelle ha inoltre l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’inquinamento luminoso e nella salvaguardia dell’ambiente naturale con i suoi bioritmi.  >> ENTRA >>  

“Saperi diffusi” 
La pandemia COVID-19 ha bloccato le consuete attività di apprendimento permanente delle Università popolari e della terza età, con la conseguenza di incentivare l’utilizzo dell’unica possibilità di rimanere in contatto con le persone, ovvero, lo smartphone (con il semplice utilizzo di WhatsApp e Skype) e gli strumenti di comunicazione emergenti (in prevalenza Google Meet, Zoom). L’idea di base del Progetto “Saperi diffusi”, finanziato dal Ministero del Lavoro e politiche sociali, è di continuare a fornire un’educazione di qualità e offrire opportunità di apprendimento per tutti, rendendo fruibili sia gli strumenti che i contenuti (culturali, artistici, ricreativi) grazie ai quali svolgere un’azione di contrasto delle solitudini involontarie, specie negli anziani e nei soggetti di tutte le età che dal punto di vista culturale manifestano gravi carenze, tali da pregiudicare una soddisfacente qualità della vita. “Saperi diffusi” è l’impatto della nuova tecnologia sull’apprendimento permanente ed una traccia operativa sui territori per inglobare e coinvolgere gli stakeholder istituzionali e privati che insistono su un territorio. >> ENTRA >>

“STOP AI PETARDI”
“Stop ai petardi” è una Campagna di comunicazione per sensibilizzare cittadini e amministrazioni pubbliche a non fare uso di inutili e fragorosi petardi e illustra 5 buoni motivi per dire basta ai botti di fine anno. Producono inquinamento, sono causa di stress e morte per gli animali; inducono paura e disturbo a bambini, anziani e ammalati (in particolar modo di Alzheimer); sono estremamente pericolosi per chi li usa e li detiene, l’acquisto di botti illegali contribuisce a finanziare le organizzazioni criminali. >> ENTRA >>

"Università di Strada"
Università di Strada è una iniziativa di cultura per la gente che passa, che si ritrova in un luogo per una visita, un acquisto, un servizio. Un modo per intercettare, anche casualmente, chi non riesce a conciliare i suoi tempi, i suoi interessi, le sue curiosità con l’offerta culturale sul territorio dove vive, che attraversa quotidianamente frettolosamente e al quale non concede cittadinanza. Università di Strada è un modo per dire no al degrado culturale, all'apatia quotidiana, al nichilismo culturale e sociale, all’indifferenza e all’individualismo sempre più possenti e diffusi. Un progetto per contrastare quel modo di pensare e di non fare, quell’indifferente e noioso senso di attesa verso qualcosa che deve accadere, e che deve farlo accadere una entità superiore o qualcun altro. >> ENTRA >>

"Volontari per l’educazione"
Upi ha aderito, in qualità di federata Unieda, al progetto lanciato da Save the Children dal titolo “Volontari per l’educazione”. Con la chiusura delle scuole e la difficoltà nel seguire la didattica a distanza, molti bambini/e e ragazze/i hanno accumulato delle lacune in ambito scolastico e hanno bisogno un aiuto per studiare, recuperare alcune materie scolastiche e ritrovare la motivazione. Non possiamo lasciare nessuno indietro. Per questo abbiamo attivato grazie al supporto dei volontari un'attività di supporto allo studio online. >> ENTRA >>

World Tourism Day  
L’associazione UPI si caratterizza dall’esperienza acquisita con l’organizzazione della celebrazione in Italia della Giornata Mondiale del Turismo “World Tourism Day” del 2011 che aveva come tema “Turismo quale collegamento tra Culture”. L’iniziativa vide la partecipazione di numerosi Enti del turismo ed Ambasciate estere presenti in Italia. Durante questa esperienza si radicò in noi il desiderio di creare un’associazione che racchiudesse tra le sue finalità i valori dello scambio culturale e della conoscenza reciproca. Di fatto l’UPI promuove la comprensione dei valori della diversità culturale, attirando l'attenzione sull'importanza di preservare e promuovere le culture del mondo in tutte le loro forme. L'incontro tra diverse culture è un momento di scambio culturale importante per il processo di conoscenza basilare per le politiche di integrazione sociale e culturale. L’UPI, dal 2011, contribuisce attivamente alla promozione in Italia della World Tourism Day. La “Giornata Mondiale del Turismo” è una celebrazione istituita dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) ed è festeggiata a livello mondiale ogni 27 settembre, data scelta in coincidenza con un' importante pietra miliare per il turismo mondiale, l'anniversario dell'adozione dello statuto dell’Organizzazione Mondiale del Turismo avvenuto il 27 settembre 1970. >> ENTRA >>

UNIEDA

L’Unieda è la nuova denominazione della Fipec a partire dal 6 Luglio 2006. Con il cambio del nome è stato modificato anche lo statuto.

La Federazione Italiana per l’Educazione Continua nasce a Roma, il 10 luglio 1998. E’ un ente non commerciale, senza scopo di lucro, con finalità sociali, culturali ed educative. Negli anni settanta e ottanta è iniziato un processo di alfabetizzazione della popolazione, portato avanti dal movimento sindacale, attraverso esperienze educative che miravano al raggiungimento del titolo di studio, prevalentemente quello di scuola media inferiore. Continua >>>


ITALIA  EDUCATIVA


Italia Educativa è una rete associativa nazionale ai sensi dell’art. 41 del Decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117, costituita con il fine di rappresentare i valori e le istanze degli Enti del terzo settore che operano nell’ambito dell’educazione permanente, della formazione professionale e continua, del lifelong learning e della solidarietà tra le generazioni per la lotta all’analfabetismo in tutte le sue forme. Continua >>>